Ho scoperto l’ukulele da poco tempo, un senso il suo suono particolare lo avevo sentito in molte canzoni famose e anche in molti spot pubblicitari. Capivo che non era una chitarra nel vero senso della parola ma aveva una sonorità simile.

Quindi ho deciso di approfondire questo strumento ed è anche il primo che inserisco in questa categoria sui strumenti musicali. Se vuoi imparare a suonare l’ukulele ti sarà utile avere qualche nozione in merito.

Qual’è il miglior ukulele?

Stai pensando di comprare l’ukulele? Se ti piace molto questo strumento al punto di volere imparare a suonarlo la tua è una buona domanda, tuttavia ti suggerisco prima di comprare uno strumento costoso di orientarti su un ukulele dal prezzo medio, in questo modo potrai testare e vedere se fa realmente per te. Se proseguirai ad impararlo allora potrai sempre decidere di investire i tuoi soldi sui migliori ukuleli in commercio.

Ukulele prezzo

Quanto costa questo strumento? Ovviamente dipende dalla tipologia. Ecco alcuni prezzi che puoi trovare su Amazon

Origine e storia dell’ukulele

Come già detto ha la forma di una chitarra piccola. Infatti si inserisce nella famiglia di strumenti detti anche cordofoni.

Lo strumento è diretto parente del cavachino, tipo dal Portogallo e poi è stato adattato alle Hawaii. Se ricordi un po’ la storia del Portogallo nel corso del 1800 le Hawaii furono colonizzate dai portoghesi. Che portarono con loro le loro tradizioni musicali e anche questo piccolo strumento.

Fu inventato nel XIX secolo da immigrati portoghesi trasferiti nelle Hawaii. Il nome in lingua hawaiana significa essere saltellante e sembra essere collegato alla velocità con cui abitualmente questo strumento viene suonato.

In genere quando parliamo di questo strumento con il pensiero si vola subito alle spiagge assolate delle Hawaii, ma è stato molto usato, e in definitiva sta tornando alla ribalta, nella musica rock, pop e jazz. Negli anni passati, in tanti ci hanno preceduto integrando questa mini chitarra nei propri gruppi musicali.

Negli ultimi anni anche gruppi musicali italiani stanno proponendo una revisione di molte canzoni popolari, riadattandole con questo strumento
Ma ora torniamo alla storia dei migranti portoghesi che decisero di tentare la fortuna nelle Hawaii dove un lavoro faticoso li attendeva; la coltivazione della canna di zucchero.

Fra questi migranti (erano più o meno 20000) tre uomini in particolare si distinsero per una competenza particolare, quella di essere mastri liutai. D’altra parte il Portogallo è famoso per i suoi strumenti di musica folkloristica.

I tre inventori dello strumento conosciuto con tale nome sono:

  • Augusto Diaz
  • Jose do Espirito Santo
  • Manuel Nunes

In sostanza questi tre crearono una sorta di ibrido o di fusione tra due strumenti con tante caratteristiche vicine al moderno ukulele.

I due strumenti in questione erano la braguinda (l’origine del nome deriva dalla città di Braga) e il rajão.

Da subito la mini chitarra hawaiana si è stato fatto strada nel cuore dei polinesiani diventando uno degli strumenti più famosi e popolari anche grazie ad un artista famoso, Roy Smeck lo suonava in modo fantastico, ecco un video con una sua esibizione

Ascolta l'ukulele suonato da Roy Smeck

Poi arrivò il periodo della grande e anche il cavachino evoluto sembrò spegnersi come una candela. Ma quando si spegne una candela se ne può accendere un’altra, in un altro luogo! Infatti lo strumento inventato dai portoghesi prese piede nel cuore di un artista britannico George Formby, che lo fece conoscere in Gran Bretagna.

Chi non ricorda la rivoluzione degli anni 60 con i suoi figli dei fiori e nuove correnti musicali? Anche l’ukulele trovò un posto d’onore in quel periodo frizzante e tormentato, ad esempio gruppi come Beach Boys composero canzoni in cui fu usato come strumento per gli arrangiamenti musicali.

Nel corso degli anni si sono succeduti molti gruppi e singoli artisti che hanno usato questo strumento musicale nelle loro composizioni che, come già detto sta vivendo nuovamente periodo di gloria.

Ora dopo la storia vediamo qualche informazione in più su questo strumento dal punto di vista pratico e musicale

Tipi di ukulele

Lo strumento si suddivide in 5 categorie

Sopranino

E’ il piccolino di famiglia se vogliamo affettuosamente chiamarlo così. Le dimensioni sono molto ridotte ed sicuramente più e meno comune. Se sei una donna amante di questo genere di strumento lo trovi perfetto perché può tranquillamente entrare nella tua borsetta !! Il suono è abbastanza acuto ma riuscirai un sentirlo bene comunque. 

Essendo molto piccolo, bisogna esercitarsi parecchio per fare le cose particolari come l’arpeggio o lo fingerpicking. D’altra parte io sono molto bello e può non essere facile Ovviamente più difficile è maggiore è la soddisfazione!

Lunghezza vibrante Lunghezza totale Tasti
30 43

Soprano 

È una tastiera e un corpo dalle dimensioni più piccole ed è molto bello anche per i bambini che vogliono imparare a suonare l’ukulele così da tenerlo bene tra le mani e le braccia. Ha anche il vantaggio di avere un prezzo minore e più contenuto rispetto agli altri. Perfetto per chi vuole iniziare a suonare l’ukulele

Lunghezza vibrante Lunghezza totale Tasti
33 centimetri 53 cm 10-12

Concerto

Benché sia ​​più grande rispetto al soprano, la tipologia concerto conserva comunque il suono tipico del cavachino evoluto. Meno usato rispetto al soprano anche perché il costo è superiore. Ha però un vantaggio rispetto al soprano e sopranino perché è un po ‘più grande e ha una sonorità migliore senza rinunciare a suonare le stesse musiche che si possono suonare con gli altri due tipi menzionati sopra

Lunghezza vibrante Lunghezza totale Tasti
38 58

Tenore

II preferito dei solisti. C’è da dire che rispetto ai piccolini della famiglia la sua sonorità è più profonda, ma resta calda, piena e appunta molto amato dai professionisti. Il tenore ha giocato un ruolo fondamentale anche nella diffusione a livello internazionale di questo strumento perché è usato dai principali maestri, nei loro corsi video e nei concerti.

Lunghezza vibrante Lunghezza totale Tasti
43 66

Baritono

Il baritono non è molto diffuso, forse perché il suono assomiglia più a quello della chitarra che a un simile alla mini chitarra hawaiana. La dimensione infatti si avvicina molto a quello di una chitarra. Però se sei un collezionista non può mancare.

Lunghezza vibrante Lunghezza totale Tasti
48 74

Canzoni con l’ukulele

Ecco una lista di canzoni straniere

[su_list icon=”icon: music” icon_color=”#0022ab”]

  • somewhere over the rainbow
  • can’t help falling in love
  • despacito
  • perfect
  • don t worry be happy
  • twenty one pilots
  • jingle bells
  • all of me
  • shape of you
  • father and son
  • redemption song
  • ed sheeran
  • bohemian rhapsody
  • the sound of silence
  • lemon tree
  • hallelujah
  • la vie en rose

[/su_list]

Accordi e canzoni italiane

Di fatto si potrebbe suonare qualsiasi cosa con l’ukulele ecco la lista delle canzoni italiane generalmente suonate con questo strumento

  • Mentre tutto scorre dei Negro Amaro
  • Il gatto e la volpe di Edoardo Bennato

Accordi e Canzoni facili per imparare a suonare l’ ukulele

  • Gianna di Rino Gaetano
  • La canzone del sole di Lucio battisti

Come suonare l’ukulele

Il modo migliore sarebbe quello di prendere delle lezioni , alcuni gruppi specializzati tengono corsi in tutte le grandi città come Roma, Milano..

Esistono anche molti video su Youtube e corsi online.

Accordare l’ukulele

Ti chiedi come accordare l’ukulele? Forse il modo migliore è farselo spiegare da esperti in questo tipo di strumento. Si può accordare ad orecchio oppure usando uno specifico strumento che puoi approfondire su questo link: cos’è l’accordatore di ukulele